Migrazioni

Persecuzione di genere e protezione internazionale

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di una donna nigeriana che richiedeva protezione internazionale in fuga da un matrimonio forzato e persecuzioni domestiche. La Convenzione Internazionale di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza sulle donne obbliga gli stati che l’hanno ratificata a riconoscere la violenza di genere tra le forme di persecuzione che danno diritto alla protezione complementare/sussidiaria. Leggi l’approfondimento su InGenere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.