Migrazioni

Se la solidarietà dell’Europa è solo su base volontaria

Il Consiglio europeo, svoltosi il 28 e il 29 giugno scorso, non ha risolto nessuna delle grandi questioni legate ai flussi migratori: la gestione delle frontiere esterne, l’apertura dei campi profughi in Africa e la revisione del regolamento di Dublino. La decisione europea è stata quella di lasciare alla volontarietà degli stati membri gran parte delle azioni di solidarietà. Ne parlano Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin su LaVoce.

Leggi su Vita i punti dell’accordo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.