Migrazioni

Sea Watch: l’ordinanza di rigetto del gip di Agrigento

Il 2 luglio il gip presso il Tribunale di Agrigento ha respinto la richiesta di convalida dell’arresto di Carola Rackete, ritenendo che la manovra della Sea Watch 3 sia stata giustificata dalla scriminante di avere adempiuto ad un dovere di soccorso delle persone in mare e di loro conduzione in un porto sicuro. Una decisione che ricorda l’esistenza di una gerarchia di documenti normativi che antepone la Costituzione e le convenzioni internazionali ai provvedimenti amministrativi di un Ministro. Leggi il commento di Andrea Natale, giudice del Tribunale di Torino.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.