Famiglia, infanzia e adolescenza

Servizi socio-educativi: più privato e meno pubblico

Usciti i nuovi dati Istat sui servizi socio-educativi per la prima infanzia nel nostro paese. Nell’anno 2014/15 poco più di un terzo delle unità che offrono questo tipo di servizi (nidi d’infanzia, micro-nidi, servizi integrativi) sono comunali; essendo mediamente più grandi delle strutture private, esse offrono il 51% dei posti. Congiuntamente unità pubbliche e private accolgono il 22,8% dei bambini fino ai tre anni d’età, in leggero aumento (dal 22,5% dell’anno precedente). L’offerta comunale continua invece un lieve ma costante declino – accoglie il 12,6% dell’utenza potenziale, contro il 12,9% dell’anno prima – dovuto principalmente alla riduzione dei trasferimenti agli enti locali. Aumenta anche la quota dei costi coperta dalle rette delle famiglie. Permangono inoltre differenze territoriali molto rilevanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.