Altre politiche

Siamo un paese che non premia l’istruzione

In Italia chi è in possesso di titoli di studio più elevati ha maggiori opportunità occupazionali e guadagna di più. Anche se meno che negli altri Paesi OCSE. Il rendimento però non tende ad aumentare al crescere del livello d’istruzione. Tutto ciò ad indicare che il mercato del lavoro italiano risulta incapace di premiare i livelli più elevati di qualificazione. Su LaVoce Daniele Checchi e Maria De Paola riflettono, partendo dai dati dell’indagine biennale della Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie italiane, sui benefici monetari di una maggior istruzione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.