Migrazioni

Straniere sovraesposte alla crisi

Su InGenere Marta Capesciotti riflette, a partire dal nuovo Dossier Statistico Immigrazione curato dal Centro Studi e Ricerche Idos in partenariato con il Centro Studi Confronti, sulla condizione delle donne straniere in Italia, occupate prevalentemente nel settore domestico e dei servizi alla persona. Il Covid-19 ha reso questa categoria più vulnerabile ma allo stesso tempo più necessaria. Se infatti, da un lato, nella scorsa primavera si sono registrate 25 mila assunzioni “emergenziali” nel settore domestico, che hanno portato a una crescita del 40% rispetto all’anno precedente, dall’altro lato, la paura del contagio ha fatto sì che molte lavoratrici domestiche siano state licenziati dalle famiglie datoriali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.