Povertà e disuguaglianze

Tante Italie, tanti salari minimi

In Italia il costo della vita varia molto a livello territoriale, tanto che l’Istat calcola diverse soglie di povertà assoluta per macroregioni e tipologie di comuni. Nel nostro Paese il dibattito sulla possibile introduzione di un salario minimo, sebbene il suo intento non sia combattere la povertà, dovrebbe quindi, in linea teorica, tenere conto di tali disparità geografiche, con il rischio di rendere maggiormente complesso il sistema. Su LaVoce il gruppo Tortuga riflette su come la differenziazione del salario minimo a livello regionale possa invece costituire un buon compromesso da cui partire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.