Migrazioni

Trattato di Dublino: la riforma naufraga a Visegrad

Su LaVoce Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin riflettono sul naufragio della riforma del regolamento di Dublino, approvata dal Parlamento europeo nel novembre 2017 e discussa dai ministri dell’Interno il 5 giugno scorso. Vista l’opposizione dei paesi del gruppo di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) vi è un sostanziale mantenimento dello status quo, che penalizza fortemente i paesi di frontiera quali Italia e Grecia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.