Famiglia, infanzia e adolescenza

Unicef: la condizione dell’infanzia nell’era digitale

Il rapporto Unicef su La condizione dell’infanzia nel mondo 2017 approfondisce l’impatto della tecnologia digitale e della rete nella vita di bambini e ragazzi di tutti i paesi del mondo. Un ritratto in chiaroscuro tra rischi, come il cyberbullismo e lo sfruttamento sessuale online, e potenzialità, come le opportunità di voice e di accesso diretto a innumerevoli fonti. In particolare il divario digitale crea nuove linee di disuguaglianza e approfondisce quelle esistenti. Tra i ragazzi tra i 15 e i 24 anni, solo 1 su 25 non è connesso in Europa, contro 3 su 5 in Africa. Poiché oltre la metà dei siti web è in lingua inglese, poi, molti bambini nel mondo non trovano contenuti comprensibili o attinenti alle loro esperienze di vita. E molti non hanno accesso ai dispositivi elettronici, né hanno le competenze necessarie per utilizzarli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.