Politiche e governo del welfare

Verso un nuovo paradigma della cura

L’11 febbraio, in occasione della Giornata mondiale del malato, Iref-Acli hanno presentato una ricerca sul fenomeno delle migrazioni sanitarie legate alle malattie dei bambini, ossia la partenza della famiglia dal proprio luogo di residenza per far sì che i figli possano curarsi in una struttura ospedaliera o di riabilitazione in un’altra Regione italiana, o addirittura estera. L’indagine mette in luce le conseguenze della mobilità legata alla salute anche sulle altre sfere di vita. Sono in particolare tre le dimensioni del disagio rispetto alle quali sarebbe urgente che i decisori pubblici intervenissero: l’impoverimento economico, il disagio educativo e la vulnerabilità familiare. Su Percorsi di Secondo Welfare l’articolo di Gianluca Budano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.