Migrazioni

Virus e migranti

Su Neodemos Massimo Livi Bacci riflette sulle possibili conseguenze della pandemia sulle politiche migratorie. A causa dell’emergenza sanitaria che ha costretto milioni di persone a rientrare nei paesi di origine e bloccato nei paesi di residenza coloro che intendevano emigrare, per la prima volta in quarant’anni, lo stock migratorio diminuirà. Il Covid-19 ha infatti colpito duramente i migranti, soprattutto quelli bloccati nei paesi d’immigrazione, rimasti senza lavoro o con redditi decurtati. Il blocco della mobilità ha inoltre avuto ripercussioni negative anche sulle condizioni di vita di decine di milioni di famiglie sostenute dalle rimesse dei loro congiunti emigrati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.