Un saluto ad un caro amico e collaboratore

Ci ha lasciati un caro amico e collaboratore, Antonio Tosi.

Ai suoi figli esprimiamo la nostra sincera partecipazione al loro dolore. Di Antonio avevamo grande stima per la sua serietà scientifica unita al suo impegno sociale su temi cruciali quali la casa, la città, gli immigrati, e per la sua umanità, non esibita, profonda, unita ad un gusto per cose semplici del vivere e a simpatiche battute. In anni ormai lontani, attorno a ricerche e anche viaggi di lavoro condivisi, è nata nell’ambito dell’Irs una sincera e affettuosa amicizia fra lui e alcuni di noi già allora sul campo. È stato maestro per noi e per molti altri ricercatori, fra i quali attuali collaboratori di Welforum, operanti nell’ambito del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano.

 

Antonio Tosi ha insegnato a lungo Sociologia urbana e Politiche della casa al Politecnico di Milano. Tra i suoi principali interessi di ricerca i rapporti tra povertà e politiche abitative e i problemi abitativi degli homeless, degli immigrati, dei rom. Tematiche fondamentali, che sarà importante continuare a studiare forti dei suoi insegnamenti. Ha collaborato fin dalla fondazione con FEANTSA (Fédération Européenne des Associations Nationales Travaillant avec les Sans-abri). È autore di Ideologie della casa (Franco Angeli, Milano, 1979), Immigrati e senza casa (Franco Angeli, Milano, 1995), Abitanti. Le nuove strategie dell’azione abitativa (Feltrinelli, Milano, 1994), Le case dei poveri. È ancora possibile pensare un welfare abitativo? (Mimesis, Milano, 2017); proprio su questo volume Welforum lo aveva intervistato. L’ultimo suo scritto per Welforum.it è stato Il Reddito di cittadinanza e la povertà abitativa, del 15 Novembre 2019.

 

Emanuele Ranci Ortigosa, la direzione e la redazione di welforum.it, la direzione dell’Area politiche sociali dell’Irs

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.